Articoli

bonus carburante milano badanti

Badante ad Ore a Milano e Bonus Benzina

Bonus carburante da 200 euro a chi spetta e come richiederlo? Cos’è il bonus carburante?
badante milano bonus 220 euro

Le Badanti a Milano ed il Bonus 200 Euro Luglio

Anche a Milano Bonus 200 euro, erogazione su domanda per chi non lo riceve in via automatica, ad esempio in busta paga, tramite pensione o come integrazione del reddito di cittadinanza
assegni familiari milano badanti colf

Le Naspi, la disoccupazione della badante a Milano

La disoccupazione Naspi, è una prestazione a sostegno del reddito dell’Inps, per coloro che perdono involontariamente il lavoro. Anche per la badante è un diritto alla disoccupazione Inps.
assegni familiari milano badanti colf

Le badanti e l’assegno familiare a Milano

L’Assegno per il Nucleo Familiare (c.d. ANF) è una prestazione economica erogata dall'INPS ai nuclei familiari di alcune categorie di lavoratori tra i quali anche colf e badanti. L’assegno può essere richiesto, per il proprio nucleo familiare, dalle badanti conviventi o badanti ad ore che lavorano in Italia.
badante IRPEF Milano contratto

Milano e l’amministratore di sostegno

Aes Domicilio ha effettuato una ricerca per capire al meglio che cos'è e come funziona il servizio di Amministratore di Sostengo. Innanzitutto chi può diventare amministratore? Chiunque! Non sono richieste particolari competenze o requisiti: un articolo di approndimento.
assegni familiari milano badanti colf

Novità sugli assegni familiari a Milano: come funziona per le badanti

L’assegno, a differenza di quanto avviene per la quasi totalità dei lavoratori subordinati, viene erogato direttamente dall’INPS. L’importo è calcolato in base alla contribuzione di lavoro domestico, alla tipologia e al numero dei componenti del nucleo familiare e ai redditi.
aes domicilio badanti colf Milano covid

A Milano è in arrivo un nuovo bonus per anziani non autosufficienti

In caso di non autosufficienza permanente e certificata il rimborso previsto è di 300 euro al mese per un massimo di 12 mesi consecutivi, per un totale di 3.600 euro. In caso di assunzione di un sostituto che vada a prendere temporaneamente il posto del lavoratore titolare, il sussidio sarà di 300 euro una tantum.