dati rsa lombarde covid

I Dati di una Strage: Morti nelle Case di Riposo

I dati sono gli oracoli a cui ci rivolgiamo in questi giorni; da cui ci aspettiamo risposte e previsioni, da cui ci sentiamo rassicurati o in pericoli. Eppure proprio i dati sono le cose più manipolabili che ci siano: le statistiche sono le cose a cui ci rivolgiamo, ma sono il motore delle fake-news; e per calmare gli animi e dunque il panico e per alimentarlo. Fatto sta che in Lombardia 7.252 contagi si contano nelle case di riposo: i dati della Regione. A Mantova il 28% dei positivi è in una rsa.

Mantova la più colpita in percentuale alla popolazione: il 28,12% dei positivi è concentrato nelle case di riposo. Milano ha il numero più alto di ospiti infetti, 2.273

Nelle case di riposo lombarde, in totale, sono stati contagiati 7.252 ospiti: è la stima elaborata dalla Regione Lombardia in base ai dati raccolti dall’esito dei tamponi nelle rsa, aggiornati a sabato scorso. La provincia che ha più anziani infettati è quella di Milano, con 2.273 ricoverati colpiti dal Covid-19. In tutta la provincia il totale dei positivi è di 15.546: quasi uno su sette, quindi, è ospite di una residenza per anziani. Seguono Brescia con 1.161, Mantova con 805, Como con 581, Cremona con 532, Monza e Brianza con 528. Poi Pavia con 401, Varese con 305, Lodi con 178, Bergamo con 173. Chiudono la lista Sondrio (con 158 contagiati) e infine Lecco con un di meno: 157. A queste cifre però va aggiunto il numero dei deceduti: secondo i dati diffusi dall’Iss, nelle 266 case di riposo prese in esame, sono stati 1.625 i decessi per coronavirus o sintomi influenzali riconducibili a Covid-19 (ma non verificati da tampone).

L’indagine della Regione analizza anche il rapporto tra numero di contagiati e popolazione: la provincia in cui il virus sembra essere entrato con più forza nelle strutture è Mantova, con il 28,12% dei casi positivi concentrato nelle case di riposo. Seguono Como con il 23,8%, Sondrio con 16,8% e Milano con il 14,4%. A Cremona i 532 casi positivi nelle residenze per anziani sono il 9,8% del totale dei casi registrato sul territorio. Ultima nella graduatoria è Bergamo, con l’1,63%: in una delle città più colpite dalla pandemia, quindi, l’impatto all’interno delle rsa è stato molto importante.

AES DOMICILIO in quanto associazione socio-assistenziale, è portata ad invitare chiunque ad affidarsi ad un servizio di badanti a domicilio: è il metodo meno invasivo per intervenire sulla vita di un anziano, è la mossa più saggia in quanto si evita che l’anziano si riabitui ad un nuovo ambiente, e per di più con persone mai viste prima,e per periodi a volte molto lunghi. Una badante, invece, garantisce la piena e assoluta libertà dell’anziano di continuare a vivere come ha sempre vissuto, e, magari, di riuscire a vivere “in modo corretto”, senza sentirsi in catene, ma semmai appoggiato e supportato nelle azioni quotidiane, anche le più banali, e la possibilità che sia anche sempre vicino ai propri cari. Sicuramente il Covid 19 ci ha insegnato quanto avere vicino il proprio caro sia importante.

Vuoi avere maggiori informazioni riguardo il costo di una badante?

AES DOMICILIO seleziona la badante che occorre alle vostre esigenze.

Grazie al nostro team di screening il quale oltre che a vagliare le competenze della badante, cerca, immediatamente, di creare un profilo che possa soddisfare le esigenze. AES Domicilio ha a disposizione un grande database di badanti nelle province del Nord Italia (badante a Como, agenzia badanti Monza, badante Bergamo, Badante Milano, ecc.).

Siamo anche presenti in tutto il Nord Italia, attraverso i nostri uffici o i nostri partner in franchising ad esempio con i nostri uffici di Torino: Agenzia Badanti Torino e badanti Asti e Cuneo.